Casa Smart: Guida Rapida alla Domotica

Se ancora non sai come rendere la tua casa intelligente e smart grazie al passaggio alla domotica, in questa guida ti racconterò come ho fatto io e quali sono i principali vantaggi che ho apprezzato.

Guida Rapida alla Domotica

La Scoperta di Echo Dot

Tutto cominciò con una presa intelligente associata ad un dispositivo Alexa in offerta.

Si, è iniziato proprio cosi: ero su Amazon in occasione del prime day e mi si è presentata questa offerta, era da tempo che mi incuriosiva il discorso domotica ma quando mi ci avvicinavo e vedevo i costi rimandavo a tempi migliori. Sono passati più di 3 anni da quel giorno fatidico e la mia casa oggi è praticamente domotizzata oltre il 70%. Una volta arrivato il dispositivo Echo e scoperte le potenzialità, mi si è aperto un mondo: non tanto per il solito discorso “alexa accendi le luci, alexa spegni le luci” ma io già immaginavo gli scenari di applicazione e mentre immaginavo scoprivo gli altri dispositivi associabili (a costi irrisori) che in un certo senso avrebbero cambiato le mie abitudini domestiche e quelle della mia intera famiglia.

  • Facile installazione
  • Semplificazione quotidiana
  • Costi bassi
  • Miglioramento della Qualità degli ambienti
  • Miglioramento della Sicurezza

Se cerchi semplificazione, allora cerchi la Domotica

La domotica non è sinonimo di pigrizia ma è innovazione, e ti semplifica la vita. Ad esempio non tutti sanno che basta acquistare un interruttore smart – facilmente sostituibile agli interruttori di casa – per governare le luci ad esso associate con un semplice comando. In effetti per me il passo successivo è stato proprio quello, ed i vantaggi sono molteplici, oltre come dicevo prima la facile installazione, (basta sostituirlo all’interruttore già in uso, unica accortezza è di far arrivare nella scatola sia fase che neutro), i costi molto più bassi di un interruttore tradizionale.

Punti Luce facili con gli interruttori Smart

Quando occorre creare un punto luce, di norma servono: scatola, cestello, interruttori, mascherina… ed i costi variano in base alla marca e modello che decidiamo. Gli interruttori smart invece vengono già forniti di tutto, sono illuminati anche di notte e la placca è già compresa ed è pure di vetro. Una volta installato, l’interruttore smart, va configurato con la sua Applicazione gestita da smartphone e se compatibile, anche con i dispositivi più noti tipo ALexa o Google Home.

Personalizzazione e gestione da App

Nel mio caso l’interruttore era a tre vie per cui tramite l’App ho potuto assegnare tre nomi ai singoli interruttori e creare per ciascuno di loro uno “scenario” differente. Il nome serve non solo per distinguerli facilmente sull’App per attivare o disattivare il singolo punto luce ma anche per assegnargli un comando vocale con Alexa, ad esempio il famoso: “alexa… accendi luce salone”.

Via Derivatori, opere murarie e cablaggi invadenti

Un vantaggio importante che si ha è di non aver più bisogno di eventuali deviatori, avendo io un salone abbastanza ampio, avevo tre derivazioni in altrettanti punti della stanza. Con la domotica non c’è più bisogno di passare tanti fili elettrici e soprattutto spendere soldi per costosi derivatori. In qualsiasi punto della stanza sei, basta avere a portata il tuo smartphone o ancora meglio un dispositivo tipo Alexa per dare il comando vocale di accensione o spegnimento.


Guida Rapida alla Domotica

Vantaggi della Gestione Remota

Quello che molti non sanno è che tutto ciò che è smart è gestibile anche da remoto, ossia se io sono in vacanza dall’altra parte del mondo, fatto salvo che ci sia una connessione ad internet, posso connettermi al mio impianto e ad esempio accendere un dispositivo, che sia esso un condizionatore, un elettrodomestico o una semplice lampadina. Ad esempio prima di partire, posso creare uno scenario che simuli la mia presenza in casa, posso temporizzare l’accensione delle luci la sera, posso accendere lo stereo durante il giorno, alzare o abbassare le tapparelle di casa.

Lampadine Smart

Esistono anche Lampadine smart, che hanno al loro interno una tecnologia in grado di potersi connettere al nostro impianto wifi e tramite la propria APP si configurano, in questo caso non c’è nemmeno bisogno dell’interruttore smart, perché farà tutto la singola lampadina. Immaginiamo di dover sostituire la lampada della nostra abatjour con una smart, magari colorata. Tramite l’App possiamo stabilire un orario di accensione di spegnimento, oltre al colore che più ci piace.

Video Sorveglianza Fai da te grazie alla Domotica

In tutto questo ancora non vi ho parlato delle telecamere, che collegate all’impianto di domotica svolgono un ruolo fondamentale per la sicurezza della casa e anche per il nostro stato di benessere. Quanti di voi, magari al mare seduti su una sdraio, hanno ricevuto l’allarme di intrusione nel vostro appartamento e siete dovuti correre o chiamare il vicino per capire cosa era successo? Molto spesso un bel niente, qualche sensore che inspiegabilmente aveva deciso di non funzionare a dovere. In questo caso la telecamera ci viene in soccorso, basta connettersi tramite l’app e verificare un eventuale intrusione, in caso, sarà anche possibile – sempre tramite il nostro impianto di domotica – spegnere l’allarme o più semplicemente deselezionare la zona che non sta funzionando, evitandoci la corsa verso casa.

Telecamere e Sistema Antintrusione

Le telecamere stesse, possono essere utilizzate come sistema di anti intrusione, infatti possono essere configurate in modo tale che quando usciamo di casa ci segnalano la presenza di eventuali intrusioni, ci sono addirittura dei modelli che scansionano il viso e riconoscono i proprietari di casa. Se collegate ad una sirena esterna (cablata o wireless) possono sopperire alla mancanza di un sistema di allarme vero e proprio. Inoltre possono essere utilizzate per la comunicazione, hanno un sistema audio a due vie, per cui è possibile sentire e comunicare con la telecamera, in più possono registrare eventi, tramite abbonamento cloud o tramite scheda di memoria. In questo modo possiamo sempre verificare ciò che è successo durante la nostra assenza. Le telecamere possono essere anche visualizzate dai dispositivi Echo di Amazon che fungono da monitor.

Come iniziare il passaggio alla Domotica in Casa?

Adesso immaginiamo che voi oggi vogliate iniziare questa avventura, che cosa dovete procurarvi? Io vi consiglio di partire molto semplicemente come ho fatto io, con un dispositivo Echo Dot Alexa qualsiasi e una presa intelligente. Vedrete che vi si aprirà un mondo, in pochi secondi si configurano entrambi i dispositivi e sarete subito trasportati in un universo di comodità personalizzate.

Chi Sono

Mi chiamo Roberto, ho 51 anni e sono appassionato di Tecnologia, per anni mi sono occupato di Informatica ma ho sempre gestito le dinamiche di buon governo della casa, oggi scrivo Guide su Consiglicasa.it

Le mie Guide